Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno 22 persone sono morte oggi nelle violenze in Siria, secondo i Comitati locali di coordinamento dell'opposizione. Sei delle vittime, secondo la stessa fonte, hanno perso la vita nell'esplosione di una bomba contro un compound militare a Mahrada, nella provincia di Hama.

Sette morti, aggiungono i Comitati, si contano a Duma, a 15 chilometri da Damasco, e altri sette a Homs, dove sono stati bombardati i quartieri di Khalidiya e Jorat al Shayah.

Ieri, in una nota, il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon aveva dichiarato che l'inazione dell'Onu in Siria equivale ad una "licenza di massacro" per il regime.

Da parte sua, sempre ieri, il presidente francese François Hollande aveva avvertito Russia e Cina: "Dico ai russi e ai cinesi": senza sanzioni "più forti" nei confronti della Siria, "il caos e la guerra" prenderanno il sopravvento "a danno dei vostri stessi interessi".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS