Navigation

Siria: Berna esorta tutte le parti a moderazione e rispetto diritto

Immagini di popolazioni civili siriane che fuggono da Ras al-Ayn. Sullo sfondo si vede del fumo dopo i bombardamenti aerei turchi KEYSTONE/AP Rojava Media Center sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 09 ottobre 2019 - 19:13
(Keystone-ATS)

La Svizzera esorta "tutte le parti" coinvolte a dar prova di moderazione e rispettare il diritto internazionale umanitario.

Lo indica oggi in una nota il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) dopo il bombardamento aereo di caccia turchi a Ras al-Ayn (Siria) e la risposta con colpi di mortaio da parte della Siria verso il confine turco a Ceylanpinar dove sono ammassate le milizie siriane filo-Ankara.

Nel comunicato il DFAE invita pure a garantire in ogni momento la protezione delle popolazioni e delle infrastrutture civili, nonché un accesso umanitario "immediato, senza ostacoli e durevole" alle cure per la popolazione colpita.

Berna esorta inoltre le parti coinvolte ad impegnarsi in favore di una soluzione politica del conflitto attraverso dei negoziati. La Confederazione sostiene peraltro attivamente il "processo politico inclusivo e credibile" lanciato dal segretario generale dell'ONU Antonio Guterres, che prevede una futura riunione di un comitato costituzionale siriano a Ginevra. Secondo il DFAE, questa riunione rappresenterebbe "un primo passo" verso una soluzione politica del conflitto siriano.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.