Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una sigla dei ribelli siriani ha rivendicato un attacco dinamitardo contro una sede dei servizi di sicurezza a Damasco, nel quale sono stati uccisi, secondo la fonte, "decine di coscritti e ufficiali" del regime.

A rivendicare l'attacco di stamani è il Gruppo dei Compagni dell'Islam (Tajammu Ansar al Islam), formazione siriana sunnita con tendenze radicali che opera nella regione di Damasco all'interno della galassia dei gruppi ribelli anti-regime.

"Abbiamo fatto esplodere la sede della sicurezza e degli shabbiha (le milizie lealiste) vicino alla sezione Palestina (dei servizi d'intelligence dell'esercito)", affermano nel comunicato sulla loro pagina Facebook.

"Abbiamo ucciso decine di coscritti e ufficiali e quest'operazione fa parte di una serie di azioni da noi condotte contro le bande di Assad".

Secondo il gruppo, gli ufficiali e i coscritti uccisi erano ospitati in un edificio scolastico trasformato in caserma, ed erano stati la settimana scorsa impegnati nei "massacri" compiuti a Hajar Aswad, sobborgo meridionale di Damasco dove sono stati rinvenuti decine di corpi di civili giustiziati sommariamente.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS