Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

L'amministrazione Obama si appresta ad annunciare il dispiegamento di un piccolo numero di forze speciali Usa nel nord della Siria. Lo riferisce la Cnn citando fonti qualificate. I soldati non avranno però un ruolo di combattimento.

In base a quanto si è appreso, gli Usa invieranno un gruppo di 50 militari con il compito di "consigliare e assistere" i ribelli nel combattere i jihadisti dello Stato islamico.

La decisione, spiegano i funzionari Usa, viene definita "uno spostamento" e non "un cambiamento" della strategia Usa nella lotta all'Isis, ma sarà la prima volta che le truppe Usa si troveranno sul terreno in Siria. Le forze speciali saranno dispiegate nel nordest del paese per aiutare i ribelli e le forze curde a respingere i jihadisti.

Il nucleo di forze speciali che gli Usa invieranno in Siria non ha però un ruolo da combattimento, ha affermato il portavoce della Casa Bianca, Josh Earnest.

"La nostra strategia in Siria non cambia. Il nucleo di forze speciali Usa aiuterà le forze locali in Siria a rafforzarsi per lottare contro l'Isis nel proprio Paese", ha aggiunto Earnest.

Ha poi reso noto che il presidente Usa, Barack Obama, ha avuto un colloquio con il premier iracheno Haydar al-Abadi per discutere sul modo in cui gli Usa, "rafforzeranno" gli sforzi per sconfiggere l'Isis in Siria e in Iraq.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS