"Diecimila nuovi rifugiati attendono davanti al punto di passaggio frontaliero di Kilis tra la Turchia e la Siria". Lo ha detto il premier di Ankara, Ahmet Davutoglu.

Dallo scorso fine settimana la Turchia ha già accolto oltre seimila nuovi profughi turcomanni e arabi, fuggiti per l'intensificarsi dei bombardamenti russi e dell'offensiva del regime di Bashar al Assad. Secondo Davutoglu altre 70mila persone, rifugiate finora nei campi a nord di Aleppo, si starebbero dirigendo verso il confine turco.

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.