Navigation

Siria: Erdogan, operazione può iniziare in ogni momento

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan KEYSTONE/AP Pool Presidential Press Service sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 07 ottobre 2019 - 10:45
(Keystone-ATS)

L'operazione militare turca per prendere il controllo del nord-est della Siria potrebbe iniziare in qualsiasi momento. Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, dopo il via libera all'intervento ottenuto da Donald Trump.

"C'è una frase che abbiamo sempre utilizzato: possiamo arrivare una notte all'improvviso. È assolutamente impossibile per noi tollerare ulteriormente le minacce di questi gruppi terroristici", ha aggiunto Erdogan in una conferenza stampa prima di partire per la Serbia, facendo riferimento alle milizie curde dell'Ypg.

"Questa non è una novità. Trump lo aveva già deciso, aveva ordinato il ritiro" delle truppe americane, "ma è stato ritardato", ha aggiunto il leader di Ankara, ricordando l'annuncio dello scorso gennaio del presidente americano sul ritiro delle truppe Usa dall'area.

Da parte loro le forze curdo-siriane hanno affermato oggi di esser pronte a "difendere a ogni costo" il nord-est della Siria, in particolare la zona frontaliera con la Turchia esposta alla pressione turca e da dove nelle ultime ore si sono ritirare truppe americane.

"La zona è ora diventata un teatro di guerra. Noi siamo determinati a difendere il nordest a ogni costo", ha detto il portavoce delle forze curdo-siriane, Mustafa Bali, citato dai media locali e regionali.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.