Navigation

Siria: Erdogan, se UE ci ostacola mandiamo i profughi

Se l'Ue ci accuserà di "occupazione" della Siria e ostacolerà la nostra "operazione" militare, "apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati e li manderemo da voi": parola del presidente turco Recep Tayyip Erdogan. KEYSTONE/EPA/STR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 ottobre 2019 - 13:09
(Keystone-ATS)

Se l'Ue ci accuserà di "occupazione" della Siria e ostacolerà la nostra "operazione" militare, "apriremo le porte a 3,6 milioni di rifugiati e li manderemo da voi". Lo ha detto il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, parlando ai leader provinciali del suo AKP.

A meno di 24 ore dall'inizio dell'operazione militare "Fonte di Pace" nel nord-est della Siria, "109 terroristi sono stati uccisi", ha anche detto il presidente turco. Ci sono anche diversi miliziani curdi "feriti" e altri che si sono "consegnati" all'esercito turco e ai suoi alleati locali, ha aggiunto Erdogan, senza indicare in questo caso un numero preciso.

Il leader di Ankara è poi tornato ad accusare Bruxelles di non aver rispettato le "promesse", perché non ha ancora trasferito la seconda tranche di 3 miliardi di euro di aiuti per la gestione dei rifugiati siriani, prevista dall'accordo del marzo 2016, rivendicando che la Turchia avrebbe invece speso "40 miliardi di dollari".

Erdogan ha anche rinnovato le critiche all'Ue per non aver accettato la Turchia come Paese membro. "Dal '63 fino a ora ci avete tenuti occupati", ha detto il presidente turco, riferendosi all'accordo di associazione che quell'anno ha stabilito le relazioni formali tra Ankara e le istituzioni europee.

Al mondo intero "voglio dare questa rassicurazione: Daesh (Isis) non sarà presente nella regione" della Siria nordorientale dopo l'operazione militare avviata dalla Turchia, ha poi detto Erdogan, parlando ai leader provinciali del suo partito AKP.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.