Navigation

Siria: Erdogan-Putin, rispettare tutti gli accordi

Erdogan e Putin in una foto del 19 gennaio scorso KEYSTONE/EPA SPUTNIK POOL/ALEXEI NIKOLSKY/SPUTNIK/KREMLIN POOL sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 21 febbraio 2020 - 18:05
(Keystone-ATS)

Turchia e Russia si impegnano a rispettare "tutti gli accordi" presi finora sulla Siria. È quanto emerso dalla telefonata odierna tra il presidente turco Recep Tayyip Erdogan e l'omologo russo Vladimir Putin sulla crisi a Idlib, secondo la presidenza di Ankara.

Il colloquio era stato descritto stamani da Erdogan come cruciale per definire le prossime mosse di Ankara. Nella conversazione, il leader turco ha sottolineato che "il regime deve essere frenato a Idlib e che la crisi umanitaria deve essere fermata", sostenendo che l'unica soluzione passa per il "pieno rispetto del memorandum di Sochi" siglato dai due presidenti nel settembre 2018. Nella telefonata i due leader hanno anche discusso della situazione in Libia, aggiunge Ankara senza fornire ulteriori dettagli.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.