Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Almeno sette persone sono state uccise e una ventina sono rimaste ferite oggi nel centro di Damasco, in piazza Hejaz, dalla caduta di almeno due colpi di mortaio. Lo riferiscono fonti presenti nei pressi del luogo dell'attacco interpellate via Skype dall'ANSA, mentre l'agenzia ufficiale Sana parla di otto persone uccise dall'esplosione di un ordigno.

Secondo le prime immagini pubblicate da attivisti siriani sui social network, un colpo di mortaio è caduto sulla scalinata che porta alla facciata dell'antica stazione ferroviaria, che dista poche centinaia di metri dalle mura della Città Vecchia.

Almeno altre 12 persone sono morte in un attentato compiuto con un'autobomba a Suwayda, nel sud del paese, contro la sede dell'intelligence dell'aeronautica. Lo riferiscono attivisti dei comitati di coordinamento di Suwayda, il capoluogo meridionale, a maggioranza druso, saldamente in mano alle forze lealiste.

Secondo le fonti il capo dei servizi di sicurezza di Damasco, Asad Abdo, e il suo vice sarebbero morti sul colpo nell'attentato assieme ad altri 10 membri dell'intelligence locale. I media del regime riferiscono dell'uccisione di otto persone a Suwayda senza però citare la loro generalità.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS