Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il generale siriano Ali Mamluk, consigliere presidenziale per la sicurezza ed ex capo dei servizi di sicurezza interni, è stato nominato capo dell'Ufficio della sicurezza nazionale al posto del defunto Hisham Bakhtiyar, morto in seguito alle ferite riportate nell'attentato compiuto a Damasco il 18 luglio scorso. Lo riferiscono all'agenzia di stampa italiana ANSA fonti diplomatiche occidentali a Beirut.

Mamluk, inserito nella lista delle personalità colpite dalle sanzioni europee, era stato fino al 2005 capo della Sicurezza dello Stato, una delle quattro agenzie di controllo e repressione del regime. In precedenza aveva gestito alcuni delicati dossier, come quello dell'arruolamento in Siria di gruppi jihadisti locali e regionali da inviare in Iraq per contrastare le truppe anglo-americane e quello del riavvicinamento politico con l'Arabia Saudita.

Nell'ottobre 2010, pochi mesi prima lo scoppio delle prime manifestazioni anti-regime in Siria, Mamluk era stato sostituito dal generale Zuhayr Hamad, considerato più vicino all'Iran, principale alleato regionale di Damasco e rivale dell'Arabia Saudita. Durante la repressione della rivolta scoppiata nel 2011, Mamluk era però stato richiamato e nominato consigliere presidenziale per la sicurezza.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS