Navigation

Siria, forze curde riportano ordine in carcere Hasake

Situazione sempre tesa in Siria. KEYSTONE/AP sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 30 marzo 2020 - 12:00
(Keystone-ATS)

Le forze di sicurezza curdo-siriane si preparano stamani a riprendere il pieno controllo di una prigione nel nord-est della Siria teatro ieri di una rivolta interna da parte di un migliaio di detenuti, in larga parte membri dell'Isis e di nazionalità non siriane.

Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria e fonti citate dal Rojava Information Center, una piattaforma di attivisti curdi in contatto con personale nel nord-est siriano.

Le fonti affermano che dopo il tentativo di evasione, avvenuto nella notte nel carcere di Hasake, le forze di sicurezza sono riuscite a catturare quattro detenuti che erano riusciti a fuggire dal penitenziario, dove si trovano circa 5mila prigionieri. L'aviazione americana della Coalizione anti-Isis ha partecipato alle operazioni, secondo l'Osservatorio.

Il Rojava information center afferma che a ribellarsi sono stati i detenuti non siriani, circa un migliaio, ospitati nel piano più basso dell'edificio. L'Osservatorio afferma che alcuni dei rivoltosi hanno preso in ostaggio dei detenuti siriani, che si trovano invece nei piani più alti.

Le forze di sicurezza curde hanno riportato l'ordine in quasi tutti i bracci del carcere e si apprestano a ripristinare il controllo nelle zone dove è scoppiata la rivolta.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.