Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In una dichiarazione diffusa al termine del G20, dieci Paesi (Australia, Canada, Francia, Italia, Giappone, Corea del Sud, Arabia Saudita, Spagna, Turchia e Stati Uniti) "condannano l'attacco con armi chimiche avvenuto a Damasco il 21 agosto e di cui il regime di Assad viene ritenuto responsabile".

"Le prove - si legge nella dichiarazione dei dieci - indicano chiaramente il governo siriano come responsabile dell'attacco". E - prosegue il documento - "coloro che hanno perpetrato questi crimini devono essere ritenuti responsabili".

Il presidente francese François Hollandeha intanto assicurato che il suo paese non attaccherà militarmente la Siria prima di aver ottenuto il rapporto degli ispettori dell'Onu che hanno indagato sull'utilizzazione di armi chimiche.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS