Navigation

Siria: governativi verso conquista ultimo tratto strada per Aleppo

L'esercito governativo siriano sta per conquistare l'ultimo tratto di strada strategica Hama-Aleppo (foto), nel nord del paese. KEYSTONE/AP/ALEXANDER ZEMLIANICHENKO sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 10 febbraio 2020 - 11:13
(Keystone-ATS)

L'esercito governativo siriano è avanzato lungo l'autostrada Hama-Aleppo, nel nord del paese, ed è a un passo dal conquistare l'ultimo tratto di strada strategica, chiusa a causa del conflitto da circa otto anni.

In queste ore, riferiscono media siriani, si combatte con intensità proprio a ridosso delle località che sorgono a sud-ovest di Aleppo lungo il tratto che da Saraqeb, nella regione confinante di Idlib, porta alla periferia della metropoli siriana del nord.

Saraqeb era stata conquistata dai governativi nei giorni scorsi dopo una battaglia cominciata a dicembre per riprendere il controllo anche di Maarrat an Numan, altra località chiave lungo l'autostrada Hama-Aleppo.

Intanto, l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria riferisce che cinque civili, fra cui una bambina, sono stati uccisi nelle ultime ore in un raid aereo attribuito all'aviazione russa nel villaggio di Abin, a sud-ovest di Aleppo, dove da settimane è in corso l'offensiva governativa e russa contro combattenti anti-regime sostenuti dalla Turchia. Il bilancio potrebbe aumentare a causa delle gravi condizioni dei feriti e della possibilità che sotto le macerie del palazzo distrutto possano trovarsi altre vittime civili.

È poi di almeno tre civili uccisi e una decina di feriti il bilancio dell'esplosione di una autobomba avvenuta ad Afrin, capoluogo dell'omonimo distretto nel nord-ovest della Siria al confine con la Turchia controllato da combattenti arabi cooptati da Ankara e ostili alla presenza della comunità curda locale.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.