Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il presidente siriano Bashar al-Assad "deve andarsene". Lo ha detto il segretario di Stato americano John Kerry in una conferenza stampa oggi a Londra al termine di un colloquio con il ministro degli esteri britannico William Hague su Siria e Iran. "Dobbiamo aumentare in maniera significativa il nostro sostegno all'opposizione siriana", ha detto da parte sua Hague.

Kerry ha condannato i continui episodi di violenza in Siria e ha sottolineato come sia difficile prendere seriamente la volontà del governo di parlare con i ribelli quando missili continuano a piovere sui civili. Le violenze che non cessano, ha continuato, rappresentano un'ulteriore prova che è tempo di andarsene per Assad.

Il presidente Barack Obama sta valutando "precisamente quali passi" gli Stati Uniti faranno per aiutare siriani innocenti, ha proseguito Kerry. Egli ha poi sottolineato l'importanza della partecipazione da parte dell'opposizione siriana all'incontro internazionale sulla crisi in Siria che si terrà a Roma, aggiungendo che "non andiamo a Roma solo per parlare, ma per prendere delle decisioni" sulla crisi siriana.

Quanto al programma nucleare iraniano, "la scelta è nelle mani degli iraniani e ci auguriamo che facciano la scelta giusta", ha sottolineato il segretario di Stato americano.

Per quel che concerne le relazioni tra Londra e Washington, Kerry ha poi sostenuto che "insieme abbiamo lottato nel XX secolo, in guerra e pace. Nel XXI le sfide sono forse più complesse, ma so per certo che le affronteremo insieme come nel secolo scorso e la nostra relazione sarà più forte che mai".

La capitale britannica è la prima tappa del tour di Kerry in nove paesi in Europa e Medio Oriente, il primo da quando ha assunto l'incarico a capo del Dipartimento di Stato americano. Egli ha sottolineato che la scelta di partire dalla capitale britannica non è casuale.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS