Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Nel giorno in cui in Siria sarebbe dovuto entrare in vigore un cessate il fuoco annunciato la settimana scorsa da Usa e Russia, a parlare sono state ancora le bombe, mentre si allontana la prospettiva di una ripresa dei negoziati governo-opposizioni.

"Questa è una vera strage degli innocenti. Su 300mila morti, oltre 10mila sono bambini, senza parlare di quei bimbi che muoiono annegati o rimangono sotto le macerie dopo un bombardamento. Deve cessare questa strage", è stato l'appello lanciato dal Nunzio apostolico a Damasco, monsignor Mario Zenari.

L'artiglieria turca continua a bombardare le postazioni delle milizie curde a nord di Aleppo. Almeno due persone sono morte e diverse altre sono rimaste ferite la scorsa notte, secondo l'ong Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus). Mentre le forze governative, con il sostegno delle milizie sciite libanesi di Hezbollah, rimangono all'offensiva in questa regione e in altre nel nord del Paese, con la copertura dei raid aerei russi.

Sono 58.000, secondo l'Onu, i civili in fuga dai combattimenti e dai bombardamenti a nord di Aleppo che si sono ammassati nelle ultime due settimane alla frontiera turca. Amnesty International ha accusato oggi Ankara di non lasciare entrare sul suo territorio nemmeno i civili feriti e di avere "aperto il fuoco e ferito civili, compresi bambini, i quali per disperazione cercavano di attraversare il confine con l'aiuto di trafficanti".

Intanto le autorità turche hanno fermato a Gaziantep, a poche decine di chilometri dal confine, Rami Jarrah, un giornalista siriano di Aleppo fondatore di Radio Ana, noto per i suoi reportage da Aleppo bombardata dai raid russi e governativi. Le autorità turche non hanno finora reso noti i motivi del fermo. Su quello che dovrebbe essere il piano diplomatico, si segnala una conversazione telefonica tra il presidente russo Vladimir Putin e il re saudita Salman bin Abdulaziz Al Saud.

Il Cremlino ha riferito che i due capi di Stato hanno espresso "interesse a risolvere la crisi in Siria". Ma per il momento rimangono solo parole, come conferma il pessimismo di Staffan de Mistura. Non è "realistico", ha ammesso l'inviato speciale dell'Onu, che governo e opposizioni tornino il 25 febbraio al tavolo dei negoziati a Ginevra, come lui aveva auspicato quando aveva annunciato la sospensione dei colloqui, all'inizio del mese. "Ci servono concreti colloqui di pace - ha affermato de Mistura - non solo colloqui per parlare. Ora americani e russi si devono sedere e accordarsi su un piano concreto per la cessazione delle ostilità".

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS