Navigation

Siria: militanti, 250 carri e blindati entrano a Rastan

Questo contenuto è stato pubblicato il 30 settembre 2011 - 18:54
(Keystone-ATS)

Più di 250 carri armati e blindati hanno preso d'assalto la città di Rastan, nelle vicinanze di Homs, a nord di Damasco, teatro da quattro giorni di scontri tra le forze dell'ordine e disertori unitisi ai manifestanti anti-regime. Lo riferisce l'Osservatorio siriano per i diritti umani (Osdh) citato dall'emittente panaraba al-Arabiya.

Intanto è salito a 27 il numero dei siriani uccisi oggi dalle forze fedeli al presidente Bashar al-Assad, secondo quanto riferisce la Commissione generale della rivoluzione siriana, piattaforma di attivisti anti-regime, citata dalle tv panarabe al-Arabiya e al-Jazira.

Decine di migliaia di siriani sono tornati in strada, a Homs, alla periferia di Damasco e in altre città nel 31esimo venerdì consecutivo di proteste per chiedere la caduta del regime. Le forze fedeli al presidente al-Assad sono intervenute per disperdere i cortei.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?