Tutte le notizie in breve

Le vittime dell'attacco su Khan Sheikhun "sono state esposte ad almeno due agenti chimici" e i loro sintomi "erano compatibili con sostanze neurotossiche come il Sarin": lo afferma Medici senza frontiere (Msf).

I suoi medici si sono recati nell'ospedale di Idlib dove erano ricoverate le vittime, quello di Bab Al Hawa, circa 100 km a nord dal luogo della strage.

Msf precisa di aver fornito ai medici della struttura "antidoti e abiti di protezione" per soccorrere i pazienti in questo tipo di attacchi.

SDA-ATS

 Tutte le notizie in breve