Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Una forza di 50'000 uomini, per lo più curdi, ma composta anche da arabi sunniti e assiri cristiani, si è costituita al confine tra Turchia e Siria col sostegno americano per combattere l'Isis nel nord della Siria.

L'obiettivo dichiarato è "liberare Raqqa", la "capitale" dello Stato islamico (Isis) in Siria, dal 2013 in mano all'Isis.

Secondo media panarabi nelle ultime ore è stato diffuso l'annuncio della nascita dell'"Esercito siriano democratico" (Jasad). È una coalizione che si presenta "contro l'estremismo, per la democrazia e il laicismo", formata in larga parte dalle milizie curde con una partecipazione minoritaria di miliziani arabi delle regioni settentrionali di Raqqa, Aleppo e Hasake, e di assiri cristiani della zona. L'obiettivo dichiarato è "liberare Raqqa", dal 2013 in mano all'Isis.

Secondo i suoi portavoce, sono in corso contatti con gli Stati Uniti che nei giorni scorsi avevano annunciato di aver abbandonato il piano di addestramento di miliziani a nord di Aleppo e di preferire "la carta curda", più a est verso Raqqa.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS