Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il premier israeliano Benjamin Netanyahu (foto d'archivio)

KEYSTONE/EPA POOL/ABIR SULTAN / POOL

(sda-ats)

"L'Iran deve sapere che noi non gli consentiremo di stabilirsi militarmente in Siria. Niente ci fermerà". Lo ha affermato il premier israeliano Benyamin Netanyahu in un dibattito parlamentare alla Knesset (Parlamento).

"Israele - ha aggiunto, riferendosi implicitamente ad una intesa fra Russia, Usa e Giordania per un nuovo assetto in Siria- si trova spalla a spalla con Paesi del campo moderato nel mondo arabo, contro l'Islam estremista dell'Iran e dell'Isis. Questo allineamento, questo avvicinamento è un bene per la nostra sicurezza e, penso, in definitiva anche per la pace".

Nel corso del suo intervento, di quasi mezz'ora, Netanyahu si è compiaciuto dello sviluppo delle relazioni diplomatiche di Israele, che ha definito "una renaissance politica", mentre ha taciuto sulle relazioni con i palestinesi e sulla recente riconciliazione fra Hamas ed al-Fatah.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS