Navigation

Siria: Ong, 40 uccisi in scontri militari a Idlib

Nei raid di ieri nella regione di Idlib erano rimasti uccisi 19 civili. Keystone/AP/GHAITH ALSAYED sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 16 gennaio 2020 - 10:47
(Keystone-ATS)

Circa 40 tra miliziani anti-regime e militari governativi siriani sono morti in scontri armati tra le parti nelle ultime ore nella Siria nord-occidentale.

Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, che da anni si avvale di una fitta rete di fonti sul terreno.

Le fonti affermano che gli scontri sono avvenuti nelle ultime 24 ore lungo il fronte di Maarrat an Numan, a sud-est di Idlib, capoluogo dell'omonima regione fuori dal controllo governativo e dove da settimane si è intensificata la campagna militare russa e governativa. Negli scontri sono morti 22 miliziani anti-regime (jihadisti e ribelli) e 17 soldati di Damasco e di milizie alleate.

In raid aerei compiuti ieri dal regime contro aree abitate della regione di Idlib erano stati uccisi 18 civili.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo