Navigation

Siria: Ong, botta e risposta militare tra Turchia e Russia

Una veduta di soldati turchi in Siria KEYSTONE/EPA/STR sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 febbraio 2020 - 09:36
(Keystone-ATS)

Botta e risposta militare tra Turchia e Russia nella Siria nord-occidentale, nel contesto del rischio di una escalation militare tra le forze di Ankara e quelle di Damasco sostenute da Mosca.

Secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria, alcuni razzi terra-terra sono stati sparati nelle ultime ore da miliziani siriani filo-turchi contro la base russa di Hmeimim, sulla costa mediterranea, e sono stati intercettati dal sistema difensivo di Mosca.

I razzi sono precipitati ed esplosi in campi agricoli nella zona di Jabla, non lontano dalla base di Hmeimim, che dal 2016 ospita il quartiere generale delle forze militari russe in Siria.

L'aviazione russa ha poi compiuto diversi raid aerei contro la zona da cui sarebbero partiti i razzi, nel distretto di Jisr Shughur, a ovest di Idlib

. E l'artiglieria turca ha bombardato dal canto suo postazioni governative nella zona di Salma, sulle montagne tra Latakia e Idlib.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.