Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È tornato in libertà dopo due anni e mezzo di prigionia nelle carceri siriane l'attivista politico cristiano Gabriel Moshe.

Moshe è responsabile dell'ufficio politico dell'Organizzazione siriaca democratica, una formazione delle opposizioni non riconosciute dal regime di Damasco.

Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i Diritti umani (Ondus), secondo cui la liberazione di Moshe, in carcere dal 2013, è stata possibile solo grazie all'intervento del patriarca siriaco-ortodosso, Ignatius Aphrem II.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS