Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Il governo siriano ha rimesso oggi in libertà 86 prigionieri politici nell'ambito di un accordo tra forze di opposizione e regime.

In cambio, le opposizioni armate consegneranno alle autorità siriane i corpi di un numero imprecisato di soldati russi uccisi nelle ultime settimane in Siria.

Lo riferisce l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus), secondo cui gli 86 prigionieri sono stati scarcerati dalla prigione di Hama, nella Siria centrale.

Nelle prossime ore, gruppi armati anti-governativi consegneranno le salme dei militari russi. Già nel 2012, il regime di Damasco liberò decine di detenuti politici in cambio della restituzione da parte di miliziani anti-regime di corpi di militari iraniani, iracheni e libanesi che combattevano nelle file delle forze lealiste.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS