Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Sono stati 5.340 i morti nella guerra civile siriana nel solo mese di luglio. Questo il bilancio fornito oggi dall'ong Osservatorio nazionale per i diritti umani (Ondus), secondo il quale tra le vittime figurano 1.067 civili, compresi 225 bambini e 140 donne. Secondo cifre non ufficiali, i morti dal 2011 sono oltre 170.000.

A conferma di come quello siriano sia diventato ormai un conflitto internazionale, tra i morti figurano 1.092 combattenti stranieri nelle file dei gruppi armati jihadisti e 106 schierati con i lealisti, dei quali 28 delle milizie sciite libanesi dell'Hezbollah e 78 provenienti da altri Paesi.

I soldati regolari uccisi sono 961, ma sommando i volontari delle milizie di difesa e i combattenti stranieri fedeli al regime, il numero totale dei lealisti arriva a oltre 2.000, con una percentuale del 37% sul totale. La più alta, secondo l'Ondus, dall'inizio del conflitto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS