Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

In Siria 3,5 milioni di persone vivono "in aree sotto assedio o impossibili da raggiungere con assistenza umanitaria". È quanto afferma oggi l'Onu, chiedendo a "tutte le parti" di permettere l'accesso umanitario e porre fine agli "indiscriminati bombardamenti e lanci di granate sui civili". Nell'appello si traccia uno sguardo catastrofico del Paese, dove "9,3 milioni di persone sono colpite dal conflitto", il 60% dei centri sanitari sono distrutti e un terzo degli impianti per il trattamento della acque sono fuori uso.

"L'accesso umanitario a chi ha bisogno viene troppo spesso negato da entrambe le parti", si afferma nel documento, firmato dal sottosegretario generale per gli Affari umanitari, Valerie Amos, e dai responsabili delle agenzie impegnate nell'assistenza: Unhcr, Unicef, Programma alimentare mondiale e Organizzazione mondiale della sanità.

Solo nella città di Aleppo e nella sua provincia, a causa dell'intensificazione degli scontri nelle ultime settimane, oltre un milione di persone necessita di cibo e altra assistenza umanitaria. Secondo le Nazioni Unite, nella città che un tempo fu il maggiore centro economico della Siria rimangono oggi non più di 40 medici - rispetto ai 2.000 del passato - a fronte di una popolazione di 2,5 milioni di abitanti.

"I civili innocenti della Siria - si afferma ancora nell'appello - sembrano sopravvivere solo grazie al proprio coraggio".

SDA-ATS