Navigation

Siria: Onu, metà degli osservatori hanno lasciato paese

Questo contenuto è stato pubblicato il 25 luglio 2012 - 12:25
(Keystone-ATS)

Metà dei circa 300 osservatori Onu presenti da metà aprile in Siria hanno lasciato il Paese e abbandonato la missione. Lo ha detto oggi a Damasco Hervé Ladsous, vice segretario generale dell'Onu per le operazioni di pace, confermando quanto già trapelato da fonti diplomatiche nella capitale siriana.

Nei giorni scorsi il Consiglio di sicurezza dell'Onu aveva prorogato di un mese, fino alla metà di agosto, il termine della missione Unsmis, ma il suo comandante, il generale norvegese Robert Mood, aveva in seguito annunciato le sue dimissioni. Nella sua seconda visita in Siria, Ladsous ha presentato il nuovo capo della missione, il generale senegalese Babacar Gaye.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?