Navigation

Siria: ONU, oltre 30'000 rifugiati nei paesi vicini

Questo contenuto è stato pubblicato il 13 marzo 2012 - 17:36
(Keystone-ATS)

Sono più di 30'000 le persone fuggite dalla violenza in Siria e giunte nei paesi vicini nell'ultimo anno. Inoltre, 200'000 siriani risulterebbero sfollati all'interno del paese. Lo ha affermato oggi a Ginevra il coordinatore regionale per i rifugiati siriani dell'Unhcr, Panos Moumtzis, citando informazioni della Mezzaluna rossa siriana.

Appena nominato dall'Alto commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati (Unhcr), Moumtzis si recherà nella regione già domani.

Secondo l'Unhcr, oltre 7'000 i rifugiati siriani si troverebbero nel nord del Libano, ma le registrazioni continuano a Tripoli (nord-ovest del Libano) dove si stima siano giunte migliaia di persone, la maggior parte provenienti da Homs. Sempre in Libano, l'Unhcr stima che ci siano 4'000 rifugiati siriani nella valle della Bekaa, a nord-est, ed altri mille in altre regioni.

In Giordania, i rifugiati siriani registrati dal marzo 2011 sono 5'000, ma altri 2'000 sono in attesa di diventarlo. Infine, in Turchia sono giunte quasi 23'000 persone dalla Siria. Molte sono tornate in patria e nei campi ne restano circa 13'000.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?