Navigation

Siria: raid a Idlib, 70 mila gli sfollati in fuga

Macerie nella regione di Idlib KEYSTONE/AP/GHAITH ALSAYED sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 20 dicembre 2019 - 09:55
(Keystone-ATS)

Sale a 70 mila sfollati in pochi giorni il numero dei civili siriani che hanno dovuto abbandonare le loro case e i campi profughi del nord-ovest della Siria, a sud-est di Idlib, a causa degli intensi bombardamenti aerei russi e governativi siriani.

Lo riferiscono media siriani in contatto con l'Ufficio Onu per il coordinamento umanitario (Ocha). I profughi, in maggioranza donne, anziani e bambini, hanno lasciato la zona di Maarrat an Numan, a sud-est di Idlib e sono ora ammassati all'addiaccio ed esposti alle intemperie.

Secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani, ieri altri 12 civili erano stati uccisi in attacchi aerei attribuiti all'aviazione siriana e russa nella regione di Maarrat an Numan. Nei giorni scorsi, 24 civili erano rimasti uccisi nei distretti di Maarrat Numan e in quello di Jisr Shughur.

Le forze russe e governative siriane colpiscono la regione di Idlib, da anni fuori dal controllo di Damasco e roccaforte di milizie anti-regime, tra cui gruppi qaidisti. La Turchia, in accordo con la Russia, esercita una influenza diretta sulla regione e sui gruppi armati antigovernativi.

L'Onu stima che nella regione di Idlib sono ammassati circa tre milioni di civili, la metà provenienti da altre zone della Siria martoriate dalla guerra. Questi tre milioni di civili secondo l'Onu hanno tutti urgente bisogno di aiuto umanitario.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.