Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

È di 24 uccisi, tra cui numerosi minori e donne, il bilancio provvisorio di bombardamenti aerei del regime siriano contro quartieri orientali di Aleppo, controllati da miliziani delle opposizioni.

Secondo le fonti locali la scuola Jamil Qabbani, nel quartiere di Ansari, è stata colpita e alcuni filmati mostrano scene raccapriccianti di corpi di bambini devastati dalle esplosioni.

Secondo il bilancio, che non può essere verificato in maniera indipendente ma che è concordante con quello di altre fonti presenti ad Aleppo, il raid più sanguinoso è avvenuto contro la scuola di Ansari dove sono morte 14 persone, per lo più minori. Altri raid sono avvenuti a Maadi, dove sono state uccise sette persone. Tre civili sono morti in attacchi a Bab Nayrab.

I media controllati dal governo di Damasco smentiscono che i raid aerei delle ultime 24 ore abbiano mirato obiettivi civili. E ricordano che gli attacchi aerei sono in risposta al bombardamento di artiglieria compiuto sabato scorso da miliziani delle opposizioni contro i quartieri orientali. In quegli attacchi, secondo l'agenzia ufficiale Sana, sono morti 19 civili, tra cui minori e donne.

Anche in questo caso i bilanci non possono essere verificati in maniera indipendente. Dal canto suo, l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria (Ondus) aveva riferito di 32 persone uccise in tutto ad Aleppo sabato scorso, 17 delle quali nei quartieri ovest sotto il controllo delle truppe lealiste.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS