Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Caccia bombardieri siriani hanno attaccato ieri la periferia orientale di Damasco ed hanno ucciso almeno 60 persone. Lo hanno riferito in tarda serata fonti dei ribelli precisando che i jet hanno preso di mira i quartieri di Zemalka e Saqba dove in precedenza uomini dell'Esercito siriano libero (Esl) avevano distrutto alcuni posti di blocco.

Entrambi i quartieri sono abitati in prevalenza da musulmani sunniti, da 17 mesi in prima linea contro il presidente Bashar al-Assad.

"Le 60 vittime sono state registrate a Zemalka e ci sono molti morti anche a Saqba, dove però non se ne può accertare il numero - ha detto un militante dell'opposizione parlando da Zemalka con uno pseudonimo per paura di ritorsioni -. Molte vittime erano civili".

Secondo la fonte, questo è il primo attacco aereo compiuto a Damasco con velivoli da combattimento.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS