Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Ribelli siriani hanno accusato il regime del presidente Bashar al Assad di avere trasferito armi chimiche verso aeroporti situati ai confini del paese: lo ha reso noto l'esercito siriano libero (Esl) in un comunicato all'indomani della dichiarazione da parte del governo di possedere armi chimiche e di essere pronto a utilizzarle in caso di "aggressione esterna".

Sul terreno intanto si rincorrono notizie, impossibili da verificare in maniera indipendente, di esecuzioni sommarie a Damasco. Dopo la denuncia da parte di attivisti del ritrovamento di una ventina di corpi di giovani fucilati, ieri si è diffusa la notizia del ritrovamento di altri 23 corpi: alcuni mutilati da baionette, altri con fori di arma da fuoco alla testa, altri ancora con crani schiacciati da ruote di camion.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


Sondaggio svizzeri all'estero

Sondaggio

Cari svizzeri all'estero, le vostre opinioni contano

Sondaggio

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS