Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Militanti dell'opposizione in Siria

KEYSTONE/AP Syrian Democratic Forces/UNCREDITED

(sda-ats)

La delegazione dell'opposizione armata siriana presente ad Astana ha dichiarato "inaccettabile" ogni accordo di cessate-il-fuoco che non comprenda "tutto il territorio della Siria". Lo riporta Interfax.

I ribelli inoltre rigettano ogni coinvolgimento dell'Iran e "delle milizie ad esso legate" nonché il suo ruolo di "garante della tregua".

Nessun accordo sarà accettato a meno che non sostenga l'integrità del territorio siriano, non deve contenere clausole volte a dividere la Siria", ha detto Osama Abu Zaid, membro della delegazione dell'opposizione.

"Il territorio della Siria non può essere diviso", ha detto Abu Zaid in una conferenza stampa dopo la sessione plenaria ad Astana. L'opposizione siriana rifiuta anche qualsiasi ruolo dell'Iran come garante dell'accordo.

"A nome del popolo siriano rifiutiamo qualsiasi ruolo dell'Iran e delle unità [militari] sotto la sua giurisdizione e rifiutiamo qualsiasi suo ruolo come paese garante perché Teheran è ostile al popolo siriano e alla sua aspirazione alla libertà e a una vita dignitosa", ha aggiunto.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS