Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Russia ha costruito in Siria il primo campo profughi straniero per i rifugiati siriani. È stato aperto nell'ovest del Paese, in un'area considerata sicura, nel centro della città di Hama, a circa 40 km dalla zona di guerra più vicina.

Lo rende noto la tv Russia Today. Il campo ospita 500 rifugiati ed è provvisto di 25 tende militari equipaggiate per vivere, con letti e riscaldamento, una cucina da campo, una mensa, docce, due generatori di energia e un impianto per l'acqua. La struttura, nel caso in cui il numero di rifugiati dovesse aumentare, è pronto per ospitare fino a mille persone.

L'attrezzatura per il campo è stata portata all'aeroporto di Latakia da un jet Antonov An-124 Ruslan. Il volo ha portato inoltre 50 mila stoviglie usa e getta e 15 tonnellate di viveri sufficienti a sfamare 50 persone in 30 giorni. "Apprezziamo l'aiuto della Russia per aver fornito l'equipaggiamento necessario e aver costruito il campo - ha detto a Ria Novosti il governatore della provincia, Ghassan Khalaf, che ha partecipato all'inaugurazione - Nella situazione attuale la Siria ha un grande bisogno di campi come questo, per ospitare i cittadini sfollati che hanno lasciato le province per la guerra in corso". Alcuni volontari siriani stanno già assistendo i rifugiati nel nuovo campo.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

SDA-ATS