Navigation

Siria: Stoltenberg, Nato esamina modi per aiutare Turchia

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha affermato che sistemi di difesa missilistica Patriot sono stati dislocati in Turchia dalla Spagna, che aerei Awacs pattugliano i cieli e che unità navali dell'alleanza stanno arrivando nei porti turchi con maggiore frequenza. KEYSTONE/AP/Rahmat Gul sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 marzo 2020 - 10:12
(Keystone-ATS)

La Nato sta esaminando i modi per aiutare la Turchia, impegnata in un conflitto armato con forze siriane e russe a Idlib, nel nordovest della Siria.

Lo ha detto il segretario generale dell'Alleanza atlantica Jens Stoltenberg a Zagabria, dove ha partecipato a una riunione dei ministri della difesa dei Paesi dell'Ue dedicata alla situazione in Siria e al confine greco-turco.

Citato dall'agenzia locale Hina, Stoltenberg ha affermato che sistemi di difesa missilistica Patriot sono stati dislocati in Turchia dalla Spagna, che aerei Awacs pattugliano i cieli e che unità navali della Nato stanno arrivando nei porti turchi con maggiore frequenza. "Serve una decisione comune per una sfida comune in Siria", ha detto Stoltenberg.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.