La Russia ha "ripetutamente" impedito un'indagine indipendente delle Nazioni Unite sulle armi chimiche in Siria, non lasciando ai membri della Nato "altra alternativa che agire come hanno agito".

Lo ha detto il segretario generale dell'Alleanza, Jens Stoltenberg, in una conferenza stampa ad Ankara con il ministro degli Esteri turco Mevlut Cavusoglu.

"C'erano ragioni più che sufficienti per agire, e non agire avrebbe indebolito il divieto di armi chimiche", ha spiegato Stoltenberg, ribadendo che l'Occidente "non può restare in silenzio dove vengono usate armi chimiche".

Parole chiave

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.