Navigation

Siria: Turchia; Erdogan, eviteremo emergenza iracheni 1991

Questo contenuto è stato pubblicato il 11 giugno 2011 - 11:43
(Keystone-ATS)

Il premier turco Recep Erdogan, riferendosi all'afflusso di profughi siriani, ha dichiarato che la Turchia sta cercando di evitare che si ricreino le condizioni che portarono alla crisi umanitaria del 1991 legata all'Iraq.

"Stiamo facendo sforzi per prevenire le cose che accaddero sui nostri confini durante il regime di Saddam in Iraq", ha detto Erdogan ieri sera in tv. "Apriremo le nostre porte a coloro che cercano rifugio - ha ribadito il premier come riferisce un sito turco - ma ciò avverrà in una maniera controllata".

Il riferimento di Erdogan è all'emergenza che si creò 20 anni fa durate la prima guerra del Golfo, quando circa 450 mila curdi iracheni (ma alcuni fonti ricordano 800 mila) scalarono montagne innevate per raggiungere la Turchia che aveva approntato solo 20 mila tende e cibo insufficiente. Quella massa, assieme agli iracheni fuggiti dalla guerra Iran-Iraq del 1980-'88, ha creato il più ingente gruppo di richiedenti asilo nella storia recente della Turchia.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.