Navigation

Siria: ufficiale disertore, regime usa armi chimiche

Questo contenuto è stato pubblicato il 21 febbraio 2012 - 14:52
(Keystone-ATS)

Un disertore siriano ha denunciato l'uso di armi chimiche ai danni della popolazione civile in Siria. In dichiarazioni ad un giornale turco, ha inoltre riferito che di recente sono state date maschere antigas ai soldati per proteggersi dall'uso di armi chimiche.

Il sottotenente Abdulselam Abdulrezzak, riparato in Turchia, ha detto al giornale "Hurriyet Daily News" che le sostanze chimiche sono state usate contro civili durante l'offensiva delle forze di sicurezza a Bab Amr. Il militare lavorava in un dipartimento di armi chimiche dell'esercito siriano e ha disertato la settimana scorsa.

"Cloruro di benzile, che danneggia i nervi delle persone e le fa svenire - ha detto il sottufficiale - è stato usato a Bab Amr. Lo volevano usare anche a Zabadani", sul confine libanese, "ma hanno fatto un accordo con l'Esercito siriano libero all'ultimo minuto e hanno rinunciato", ha aggiunto Abdulrezzak riferendosi alla formazione ribelle dei disertori (ESL, o FSA in inglese).

"Non ho resistito a tutto ciò e sono scappato", ha aggiunto il sottufficiale che ha mostrato il suo tesserino militare per dimostrare la propria identità e il proprio grado. Le dichiarazioni al giornale erano comunque state fatte due giorni fa. Il disertore ha riferito anche che ad alcuni soldati siriani, di recente, sono state date maschere antigas per proteggersi dalle armi chimiche che verrebbero usate il Siria.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?