Navigation

Siria: Usa, indagare su Turchia per crimini di guerra

L'ambasciatrice degli Usa Kay Bailey Hutchinson (foto d'archivio) KEYSTONE/FR170079 AP/CLIFF OWEN sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 23 ottobre 2019 - 13:14
(Keystone-ATS)

Gli Stati Uniti sono a favore di "un'inchiesta a carico della Turchia per crimini di guerra" nel nord est della Siria. Così l'ambasciatrice degli Usa Kay Bailey Hutchinson in conferenza stampa, in vista della riunione dei ministri della Difesa della Nato di domani.

"Quando le truppe americane si stavano ritirando - afferma Hutchinson - ci sono state accuse di crimini di guerra che devono essere investigate sotto gli auspici dell'organo adeguato".

La diplomatica ha poi invitato i vari Paesi a riprendersi i rispettivi foreign fighter in Libia. "È importante che ciascun Paese assuma le proprie responsabilità per i foreign fighter catturati, e riprenda i propri cittadini, come abbiamo già chiesto", perché la situazione" in Siria "è altamente instabile", aggiunge.

Occorre essere "attenti" anche sul ruolo che la Russia intende assumere in Siria. "Dobbiamo sperare per il meglio", ma essere pronti anche ad altro, sostiene Hutchinson commentando l'accordo di Sochi tra i presidenti di Russia e Turchia Vladimir Putin e Recep Tayyip Erdogan.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.