Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Le Borse europee chiudono ai minimi di sei settimane in un mercato che s'interroga su tempi e modi del probabile intervento militare in Siria, mentre anche i dati macroeconomici statunitensi mettono pressione sugli indici. Pur in assenza di fattori specifici torna qualche tensione sullo spread, con i Btp italiano a 255 sopra il Bund tedesco contro i circa 251 di ieri.

Sui listini europei pesa la frenata dei "big" energetici come Royal Dutch Shell, Total, Bp e British Gas ed Eni. Frena il petrolio (-1,30 dollari a 107,50 il Wti a New York) dopo il recente rally sui timori di un intervento immediato in Siria.

Gli operatori parlano comunque di un periodo nervoso e in cui le incertezze geopolitiche tengono gli investitori estremamente cauti e pronti a uscire da posizioni rischiose. Pesa, sulle Borse in generale e in particolare sui titoli più ciclici, l'incertezza sulla forza della ripresa negli Usa e le contromosse della Federal Reserve, che inizierebbe a ritirare liquidità dai mercati in caso di un consolidamento di crescita e occupazione.

Deludenti, oggi, i consumi degli americani (+0,1% a luglio) mentre hanno fatto meglio il comparto manifatturiero del distretto industriale di Chicago e l'indice di fiducia dei consumatori americani calcolato dall'Università del Michigan.

Mentre Wall Street procede in territorio negativo (-0,34% lo Standard & Poor's 500, -0,16% il Dow Jones, -0,73% il Nasdaq dopo l'atto d'accusa del segretario di Stato John Kerry sull'uso di armi chimiche da parte del regime siriano), l'Europa segna perdite maggiori, con Madrid e Milano in coda (-1,68% e -1,32% rispettivamente). Giù anche Francoforte (-1,12%) e Parigi (-1,32%).

Tensioni anche sui titoli di Stato periferici, con i Btp in calo (e il rendimento in conseguente rialzo al 4,40% sulla scadenza decennale) dopo che la Corte costituzionale del Portogallo, ieri, ha respinto una proposta di legge che avrebbe consentito al governo di licenziare lavoratori del settore pubblico. Per i mercati si tratta di nuovo colpo agli sforzi del governo di tagliare le spese e tener fede alle condizioni del piano di salvataggio Ue-Fmi.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS