Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La Borsa di Tokyo potrebbe scendere domani con l'indice Nikkei sotto quota 10 mila punti, con gli investitori che probabilmente opteranno per asset più sicuri dopo il terremoto e lo tsunami che hanno colpito il paese venerdì. Per le obbligazioni governative e lo yen gli analisti si attendono invece un rialzo.

"Inizialmente tutti i settori saranno sotto pressione a vendere. Il Nikkei potrebbe crollare di circa il 20% dal picco recente di 10.900 punti. Potrebbe anche scendere sotto i 9.000 punti nel breve termine", stima Masaru Hamasaki, senior strategist alla Toyota Asset Management. "Il Nikkei potrebbe oscillare tra 9.500 e 10.000 punti nei prossimi giorni", aggiunge Seiichiro Iwasawa, chief strategist di Nomura Securities.

La storia tuttavia suggerisce che questo terremoto non dovrebbe far deragliare l'intera economia. Nei primi cinque giorni successivi al terremoto di Kobe nel 1995 l'indice Nikkei era sceso dell'8%, ma poi nei 10 giorni successivi era salito del 5%.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.








Teaser Longform The citizens' meeting

Non mancate il nostro approfondimento sulla democrazia diretta svizzera

1968 in Svizzera

SDA-ATS