Navigation

Sisma Giappone: Borsa Tokyo chiude a -6,18%

Questo contenuto è stato pubblicato il 14 marzo 2011 - 09:08
(Keystone-ATS)

Uno tsunami si è abbattuto anche sulla Borsa di Tokyo, che ha chiuso in calo di oltre il 6%. Gli altri mercati asiatici sono scesi portando l'indice guida dell'area in calo del 2,9% e gli analisti vedono anche per i prossimi giorni prevalere questa intonazione.

Il mercato aspetta di sapere l'impatto finale del sisma e gli investitori, commentano gli operatori, preferiscono assumere una posizione cauta. Tokyo Electric Power ha perso il 24%. L'australiana Paladin Energy il 16% sui timori di un calo della domanda di combustibile per reattore, dopo l'esplosione della centrale di Fukushima. Si specula già sulla ricostruzione e Posco, il più grande produttore di acciaio della Corea del Sud, ha guadagnato l'8,3%.

Nell'area si distingue Hong Kong che contiene il calo grazie al sostegno dei titoli del settore materie prime, in particolare acciaio e carbone, sulle scommesse di un rialzo dei prezzi in vista della ricostruzione. Citic Pacific ha guadagnato il 4,6%, China Shenhua Energy e China COal Energy hanno guadagnato l'1,9 per cento.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?