Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Skyguide stila un bilancio positivo delle sue attività dello scorso anno: la società di controllo del traffico aereo ha indicato oggi a Berna che il 96,7% dei collegamenti è stato gestito senza ritardi (+0,2% rispetto al 2013).

Inoltre, i voli controllati sono aumentati dell'1,3%, raggiungendo 1,156 milioni.

Questa tendenza positiva si è confermata nei primi due mesi del 2015, ha sottolineato Skyguide. I risultati sono ancor più ragguardevoli se si pensa che un recente studio di Eurocontrol ha confermato che lo spazio aereo elvetico è il più complesso d'Europa.

Il fatturato di Skyguide è aumentato del 2,8% a 449,72 milioni di franchi, nonostante le tasse di avvicinamento agli aeroporti di Zurigo e Ginevra siano state ridotte del 2%. Dal canto suo, l'utile operativo (EBIT) è sceso a 28,08 milioni di franchi, contro i 33,59 milioni registrati l'anno precedente.

I 1'400 dipendenti di Skyguide, ripartiti su 14 siti, hanno sorvegliato lo scorso anno 3150 movimenti aerei (civili e militari) al giorno. Il picco è stato raggiunto il 27 giugno 2014 con 4'026 voli. Il record risale tuttavia al 27 giugno del 2008 con 4'153 voli.

Tra le sfide del 2015 v'è il rafforzamento del franco, ha sottolineato il CEO di Skyguide Daniel Weder. Il servizio di controllo aereo elvetico registra infatti tre quarti dei suoi costi in franchi, mentre i suoi introiti sono per due terzi in euro.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS