Il ministro degli esteri boliviano, David Choquehuanca, ha annunciato oggi che il suo governo ha respinto una richiesta di estradizione di Edward Snowden, la "talpa" del Datagate, inviata a La Paz dalla giustizia americana, definendola "strana, illegale, suggestiva e priva di fondamento".

"Gli Stati Uniti ci hanno inviato una nota in cui si chiede la sua estradizione, nel caso in cui il cittadino Edward Snowden si trovasse in territorio boliviano", ha detto il ministro.

"Questa strana, illegale, e suggestiva richiesta priva di fondamento che riguarda una persona che non si trova in Bolivia - ha aggiunto - sarà restituita al governo americano in modo categorico e immediato", ha detto Choquehuanca in un'intervista al canale all news Telesur.

"Non è casuale", ha poi aggiunto il capo della diplomazia boliviana, che la richiesta coincida con "il sequestro del presidente Evo Morales", perché gli Usa "pensavano che Snowden fosse nell'aereo presidenziale e vari paesi hanno agito convinti che fosse davvero così". Inoltre, Morales non ha mai incontrato Snowden, neppure a Mosca.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.