Navigation

SO: pantera nera in bosco solettese?

Questo contenuto è stato pubblicato il 08 maggio 2012 - 15:05
(Keystone-ATS)

Una pantera nera nei boschi del canton Soletta o eventualmente del vicino canton Berna: la notizia non è ancora confermata al cento per cento ma si fa sempre più attendibile dopo gli avvistamenti segnalati sin dalla corsa settimana. Proprio oggi la polizia cantonale solettese è stata informata che un animale di questa specie è dato per disperso nella Germania meridionale dallo scorso ottobre.

Un felino di colore nero, alto circa 50 centimetri e con una lunga coda è stato notato la prima volta mercoledì scorso, di primo mattino e per pochi secondi, da un guardaboschi al limite di un bosco presso il villaggio di Kestenholz (SO). L'animale è stato visto ancora nelle vicinanze di Wolfwil, un villaggio a pochi chilometri di distanza. Venerdì scorso sarebbe stato avvistato anche nei pressi di Bätterkinden, in territorio bernese, stando al sito online del "Tages-Anzeiger".

"Può essere praticamente solo una pantera", ritiene Reinhard Schnidrig, capo della Sezione Caccia presso l'Ufficio federale dell'ambiente (UFAM) a Berna, interpellato dall'ats. "Abbiamo fatto ricerche - aggiunge - ma non abbiamo idea da dove in Svizzera un simile animale potrebbe mancare". Una pantera nera in libertà è stata tuttavia segnalata lo scorso autunno nel sud della Germania e non è stato possibile catturarla. "Potrebbe trattarsi di questo animale", ritiene Schnidrig.

La polizia cantonale solettese ha chiesto informazioni a zoo, circhi e proprietari privati per sapere se ci siano state fughe, ma nessuno ha segnalato la scomparsa di un simile animale in Svizzera. Proprio oggi è però giunta una segnalazione dal sud della Germania: una pantera sparita lo scorso ottobre e mai catturata, ha indicato Thaila Schweizer, portavoce della polizia cantonale, confermando una notizia di "20 Minuten Online". Non si sa ancora tuttavia se si tratti dello stesso felino.

Le trappole fotografiche non hanno finora fornito immagini probanti. "Partiamo dal principio che si tratti di un animale timido e che non rappresenti un pericolo immediato per la popolazione", ha detto la portavoce della polizia solettese. Questa non pensa dunque almeno per il momento di ucciderlo, ma piuttosto di catturarlo addormentandolo con un proiettile narcotizzante. Per il momento non sono stati pubblicati avvertimenti particolari alla popolazione.

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Cambia la tua password

Desideri veramente cancellare il tuo profilo?