Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

BERNA - Le adozioni in Svizzera, nell'ultimo trentennio, sono in costante calo. Nel 1980, indica uno studio dell'Ufficio federale di statistica (UST), erano 1600 all'anno, cifra che nel 2009 è scesa a circa 500.
Per le adozioni intrafamiliari (-71%), e in particolare per quelle di bambini di nazionalità elvetica, il ribasso è probabilmente da ricondurre alla diminuzione delle nascite indesiderate, grazie ai contraccettivi, ma anche alla migliore accettazione della figura della ragazza madre nella società.
Per le adozioni extrafamiliari (-63%), la flessione è da mettere in relazione all'applicazione della Convenzione internazionale dei diritti dell'infanzia, che incita i paesi aderenti a mettere in atto tutta una serie di meccanismi per permettere ai bambini di rimanere nelle loro famiglie di origine.
L'UST rileva che nel 2009 sono state registrate 7 adozioni ogni mille nascite, a fronte delle circa venti riscontrate negli anni Ottanta. Su questo piano la Svizzera segue da vicino la Norvegia, che con dieci casi ogni mille nascite, è il paese europeo che vanta il più alto numero di adozioni.
Dal 1980 al 2009 le statistiche indicano che i casi di adozione in Svizzera sono stati complessivamente 32'500, di cui 28'700 riguardavano minorenni: 15'000 di sesso femminile e 13'700 di sesso maschile. Attualmente, per quanto riguarda le adozioni extrafamiliari, il 34% dei bambini proviene dall'Asia. Seguono i piccoli africani (32%), gli europei (13%), gli americani (12%) e i bambini di nazionalità svizzera (8%). Nel 2009 l'età media dei bambini adottati era di 11 anni.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS