Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La società immobiliare zurighese Züblin, controllata dall'oligarca russo Viktor Vekselberg, ha chiuso l'esercizio 2014-2015, terminato a fine marzo, con una perdita netta di 212 milioni di franchi, a fronte di un passivo di 64 milioni di un anno prima.

Il risultato è stato influenzato da diversi fattori, tra cui l'introduzione dei tassi di interesse negativi e l'abbandono del tasso di cambio minimo, ha indicato oggi l'azienda.

Anche l'utile operativo EBITDA, prima di interessi imposte e ammortamenti, è crollato del 41%, a 13 milioni di franchi. I ricavi locativi si sono contratti di un terzo, a 22 milioni.

Züblin ha anche annunciato che si ritirerà dal mercato francese e cederà la filiale Züblin Immobilière France, società che ha venduto "con successo" uno stabile a Parigi per 31 milioni di euro (32,3 milioni di franchi).

Per l'esercizio in corso Züblin conta di aumentare il capitale, di dismettere entro i prossimo quattro mesi le attività francesi e di concretizzare una nuova strategia in Svizzera e Germania.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS