Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

La società privata britannica di sicurezza Aegis, che aveva costituito nel 2010 una holding a Basilea, lascia la Svizzera: la decisione è "una diretta conseguenza" della nuova legislazione elvetica, ha indicato il gruppo alla "Schweiz am Sonntag" in una presa di posizione di cui anche l'ats ha potuto ottenere una copia.

Lo scorso settembre le Camere federali hanno approvato una legge che regolamenta le società di sicurezza private, istituendo un controllo su di esse e vietando loro di fornire servizi mercenari all'estero.

La nuova legge è un "ostacolo insormontabile" per il settore, scrive la Aegis, criticando in particolare il fatto che essa è in conflitto con la tutela del segreto richiesta per lavorare al servizio dei governi americano e britannico. Il gruppo Aegis ha dunque deciso di liquidare la holding basilese. La decisione è stata presa già il 15 aprile all'assemblea generale, si può dedurre dall'iscrizione nel registro di commercio.

La necessità di regolamentare questo genere di imprese era apparsa evidente dopo le rivelazioni di stampa dell'agosto 2010 in merito alla costituzione di una holding a Basilea da parte della Aegis Defense Services. La società con sede centrale a Londra, fondata nel 2002, è uno dei maggiori gruppi di mercenari al mondo. Secondo stime, 20'000 dipendenti erano attivi in Iraq e Afganistan, in particolare al servizio del Dipartimento americano della difesa.

Nell'agosto 2010 la Aegis aveva indicato di aver scelto la Svizzera "per la sua posizione geografica, la sua trasparenza in materia di contabilità e il suo sistema fiscale stabile". La società britannica vedeva inoltre di buon occhio la vicinanza delle agenzie dell'Onu e di organizzazioni non governative - in particolare il Comitato internazionale della Croce Rossa - con le quali affermava di voler collaborare.

SDA-ATS