Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Solar Impulse è rientrato in Svizzera. L'aereo a propulsione solare, capace di volare anche di notte, è giunto stamane all'aeroporto militare di Dübendorf (ZH), smontato nella pancia di un Jumbo proveniente da New York. Dal 3 maggio, e per circa un mese, il velivolo era impegnato nella traversata degli Stati Uniti da costa a costa.

Solar Impulse era partito dal Moffet Air Field della Nasa, vicino a San Francisco, e ha fatto tappe a Phoenix, Dallas, St. Louis e Washington. Il periplo si era poi concluso il 6 luglio a New York, non senza un imprevisto: uno strappo di oltre due metri sul rivestimento di un'ala aveva costretto Solar Impulse ad anticipare l'atterraggio a New York abbandonando il piano iniziale di sorvolo della Statua della Libertà. Complessivamente, l'aereo è stato in aria 105 ore e 41 minuti lungo 5'600 chilometri a una velocità media di 28,8 nodi.

Concepito nel 2003, il velivolo di Bertrand Piccard e André Borschberg è un monoposto leggerissimo (1,6 tonnellate, poco più di una utilitaria) ma con l'apertura alare di un Airbus 340 (64 metri). I quattro motori a elica sono alimentati da batterie caricate da 12 mila cellule solari.

Neuer Inhalt

Horizontal Line


swissinfo IT

Unitevi alla nostra pagina Facebook in italiano

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.









SDA-ATS