Contenuto esterno

Il seguente contenuto proviene da partner esterni. Non possiamo dunque garantire che sia accessibile per tutti gli utenti.

Solar Impulse, l'aereo che sta tentando il giro del mondo volando solo con energia solare, dovrà rimanere alle isole Hawaii fino all'inizio della primavera, per sostituire le batterie che hanno subito danni gravi.

Lo rende noto oggi il servizio stampa delle centrale operativa. "Danni irreversibili" alle batterie, subiti nell'ultimo volo di 5 giorni dal Giappone alle Hawaii, hanno costretto il team a rimandare le prossime tappe fino all'aprile 2016. Partito nel marzo scorso da Abu Dhabi, il velivolo sarebbe dovuto rientrare negli Emirati Arabi entro agosto per sfruttare l'irraggiamento solare delle giornate estive, cosa ora resa impossibile dai tempi di riparazione.

Il problema, si legge in una nota degli organizzatori, era sopraggiunto durante il primo giorno della traversata del Pacifico dalla città giapponese di Nagoya alle isole Hawaii, quando i sensori avevano rilevato un surriscaldamento delle batterie. La sostituzione, e i necessari test successivi, richiederanno "alcuni mesi".

Nei giorni scorsi il team aveva parlato di tempi di riparazione di "almeno 2-3 settimane", che avevano già lasciato ipotizzare lo stop dell'impresa fino alla prossima bella stagione. L'accorciarsi delle giornate, infatti, rende insufficiente l'irraggiamento solare di cui il velivolo ha bisogno.

L'aereo monoposto progettato dal Politecnico di Losanna, che vede alternarsi alla guida i piloti svizzeri André Borschberg e Bertrand Piccard, era partito da Abu Dhabi a marzo e aveva fatto tappa in Oman, India, Birmania, Cina e Giappone per poi arrivare, il 3 luglio scorso, alle Hawaii.

La seconda tranche della missione volta a sensibilizzare l'opinione pubblica sulle energie rinnovabili, ora rimandata al 2016, prevede di raggiungere Phoenix, fare altre due tappe in Usa, sorvolare l'Atlantico alla volta del Mediterraneo e rientrare negli Emirati Arabi Uniti.

Borschberg e Piccard, finora molto attivi nel commentare via Twitter ogni passo del Solar Impulse 2, per adesso si sono limitati a rilevare gli ingenti danni alle batterie "nonostante il duro lavoro del team". L'aereo, partito da Abu Dabi il 9 marzo, ha percorso finora quasi 18 mila Km.

subscription form

Abbonatevi alla nostra newsletter gratuita per ricevere i nostri articoli.

SDA-ATS