Navigation

Soleimani: Zarif, colpire siti culturali è crimine di guerra

Mohammad Javad Zarif: colpire site culturali rappresenta un crimine di guerra. Keystone/AP/RICHARD DREW sda-ats
Questo contenuto è stato pubblicato il 05 gennaio 2020 - 11:43
(Keystone-ATS)

"Colpire siti culturali sarebbe un crimine di guerra": lo ha sostenuto il ministro degli esteri iraniano Mohammad Javad Zarif su Twitter dopo la minaccia americana contro 52 obiettivi "importanti per la cultura iraniana".

"Dopo le gravi violazioni della legge internazionale con i vigliacchi omicidi di venerdì scorso - aggiunge Zarif -, Trump minaccia di commettere nuove violazioni della 'jus cogens'", la norma del diritto internazionale a tutela di valori considerati fondamentali per un paese. "Non importa se dia calci o urli - conclude -, la fine della presenza maligna degli Usa in Medio Oriente è iniziata".

Questo articolo è stato importato automaticamente dal vecchio sito in quello nuovo. In caso di problemi nella visualizzazione, vi preghiamo di scusarci e di indicarci il problema al seguente indirizzo: community-feedback@swissinfo.ch

Condividi questo articolo

Partecipa alla discussione!

Con un account SWI avete la possibilità di contribuire con commenti sul nostro sito web e sull'app SWI plus, disponibile prossimamente.

Effettuate il login o registratevi qui.